24 set 2012

Olio straordinario L'oreal Elvive

Beh! Il profumo.
Meh. Una sfilza di cose che leggerete di qui a poco.
Prezzo: 9€ e spiccioli
Reperibilità: acqua e sapone, limoni, supermercato

Fino allo scorso anno non avevo mai pensato di utilizzare un olio per capelli, poi ho provato quello di JLD *CLICK* e ho deciso che non sarei mai più riuscita a farne a meno. E così è infatti stato.
Presa quindi dalla smania di trovare l'olio perfetto per me ho voluto provare questo olio, il cui nome è tutto un programma (ndr. Straordinario).

Credo che sia ormai un mesetto che lo utilizzo e sperimento nuovi usi, tant'è che il livello è già arrivato sotto alla scritta Elvive (qui come potete ben immaginare era ancora intonso), ma ammetto di non aver ancora capito cosa entusiasma tutte coloro le quali l'hanno provato. Per quanto mi riguarda non è malaccio, ma diciamocelo chiaro e tondo: di straordinario ha solo il nome. Io l'avrei chiamato "Olio non pessimo ma nemmeno un granché".

L'ho provato con i capelli umidi prima della piega, dopo, prima dello shampoo come maschera intensiva, e devo dire che buoni risultati li ho visti solo in quest'ultimo caso. Ma andiamo con ordine.
Utilizzandolo prima di asciugare i capelli non fa assolutamente nulla, una volta asciutti è come se non avessi mai messo nulla, non c'è nemmeno la parvenza che abbia fatto qualcosa ai capelli. Così no, proprio non ci siamo.
 Con i capelli asciutti meh. Dopo la messa in piega i capelli non hanno assolutamente la parvenza di essere più luminosi, e se per caso si esagera con le dosi si ottiene immediatamente l'effetto capelli fritti.

MA. C'è un ma. Come maschera pre shampoo sa farsi amare. Io ne applico una quantità bella generosa sui capelli finché non sono belli unticci (visione bruttissima), poi li lego con una pinza (visione terribile), e metto in testa una bella cuffia da doccia di quelle in plastica per intenderci (visione ripugnante).
Tengo su il tutto più che posso, generalmente dalle due o tre ore, in modo che i principi e gli estratti di fiori presenti in quest'olio penetrino per bene nel capello. Comunque per gli impacchi per capelli vige sempre la regola del più tempo si tiene in posa meglio è.

 Quando mi sono stufata di farmi venire infarti ogni volta che passo davanti ad uno specchio (sia chiaro che non esco dalla camera!), mi fiondo nella doccia, faccio un paio di shampoo per essere certa di aver eliminato tutto l'olio, applico il balsamo e lascio in posa un paio di minuti e nell'attesa mi scrubbo il corpo (quando si dice unire l'utile al dilettevole).
Infine do un'ultima sciacquata, bagno i capelli con un po' di acqua fredda (aiuta moltissimo a rendere i capelli più luminosi) ed è fatta!

Una volta asciutti i capelli risultano estremamente morbidi, districati (i nodi sono il mio cruccio più grande), e davvero luminosi. Per un tocco più sfizioso applico un poco di prodotto (una sola stantiffata), su tutte le lunghezze e le punte, cosicché i capelli risultino anche profumatissimi.

Con questo metodo ho smesso di pensare di aver comprato una ciofeca di prodotto, e anzi ha iniziato anche a piacermi parecchio. Ripetendo questo procedimento una volta a settimana i capelli noto che stanno migliorando davvero molto. Non li ho mai avuti crespi, ma ora toccandoli si ha proprio la sensazione di capelli setosi.

Vi lascio qui per chi fosse interessata l'inci, come potete vedere ingrandendo l'immagine ci sono diversi estratti di fiori e in generale sembra anche un buon inci.

In definitiva come olio in senso stretto non mi piace affatto, ma come impacco super nutriente è assolutamente promosso e consigliato.

Ora sono curiosa di sapere se sono l'unica che non si è trovata bene in tutto è per tutto o anche qualcuna di voi non lo trova poi così straordinario.
A presto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...